Blog: http://KrilliX.ilcannocchiale.it

Fini e l’ottimismo fusionista

La rivoluzione del predellino aveva scombussolato la vita della Casa della Libertà. Persino tra gli abitanti di Tocqueville si respirava una brutta aria. Quasi da separati in casa. “Dobbiamo restare vicini-vicini”, implorava la KrilliX fusionista a novembre. E insisteva: “Non siamo come la sinistra. E’ più quel che ci unisce di quel che di divide”.

E perciò che soddisfazione sentire Gianfranco Fini in queste ore: "Se si vota con questa legge è nostro dovere - dice il leader di An - preparare un programma che sia di poche cose, non un libro dei sogni come quello del centrosinistra. Certo, in questi mesi abbiamo discusso e anche litigato, ma sono ottimista, perché abbiamo una omogeneità politica e di valori che ci consente di governare, come fatto nei cinque anni precedenti".

.

Pubblicato il 25/1/2008 alle 15.22 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web