.
Annunci online

29 agosto 2007
SCOOP / Chi scrive il programma di Veltroni?



permalink | inviato da KrilliX il 29/8/2007 alle 17:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
29 agosto 2007
Qualcosa di sinistra

Veltroni raccoglie la sfida della sicurezza.

Veltroni scopre che bisogna abbassare le tasse.

Veltroni ammette che il denaro non è lo sterco del demonio.

Veltroni scommette sulle liberalizzazioni.

Veltroni cita Ronald Reagan.

Cribbio! O Veltroni ha letto i sondaggi o punta al posto di Michela Brambilla.




permalink | inviato da KrilliX il 29/8/2007 alle 14:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
27 agosto 2007
W la Zuppa
Stordita dal sole dell'Argentario, KrilliX si è accorta solo oggi della nascita di un blog particolarmente gustoso: la Zuppa di Porro dell'omonimo Porro, liberale-liberista alla guida dell'economia de Il Giornale
Benvenuto nella blogosfera e tra i cittadini di Tocqueville.




permalink | inviato da KrilliX il 27/8/2007 alle 18:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
23 agosto 2007
Partito della Libertà, più chiaro di così...




permalink | inviato da KrilliX il 23/8/2007 alle 9:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
22 agosto 2007
Date a Cesare quel che è di Cesare
Ma  non chiedete a Bertone di pagare l’Ici. In un articolo de L’opinione, la lunga lista dei privilegi vaticani.



permalink | inviato da KrilliX il 22/8/2007 alle 11:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
22 agosto 2007
Promesse/2

Aveva promesso, Veltroni, che al ritorno dalle vacanze avrei trovato le strade rifatte.

Aveva promesso che avrebbe mandato in pensione quelle trappole di sanpietrini in Via Nazionale.

Aveva promesso che la mia vita da motorinista romana sarebbe cambiata a fine agosto.

Aveva promesso. Ma non era vero nulla. Anche oggi si saltella spaccandosi le ossa nelle vie di Roma.




permalink | inviato da KrilliX il 22/8/2007 alle 11:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
21 agosto 2007
Obama scivola sulla rucola
Barak Obama, candidato alla nomination democratica nel 2008 e beniamino di molti tipi sinistri di casa nostra, è scivolato su una foglia di rucola. La gaffe è capitata durante una visita a una fattoria dell’Iowa: “Avete visto quanto si deve sborsare adesso per la rucola al supermercato?” ha chiesto Obama ai coltivatori. “Rucola? Di cosa parla?”, si sono chiesti gli agricoltori. “Gli americani della strada comprano lattuga” ha replicato la proprietaria della fattoria mettendolo in imbarazzo e facendolo risalire in macchina un po’ più bianco e un po’ più snob.

Insomma Obama ha un feeling con il suo popolo pari a quello di Maria Antonietta con le sue brioches…


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. obama sinistra usa

permalink | inviato da KrilliX il 21/8/2007 alle 11:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
14 agosto 2007
Nostalgia della merda di vacca

Se Kiran Desai, 35 anni, fosse rimasta in India a passeggiare tra le merde di vacca sacra, bagnarsi nei fiumi melmosi e fustigare gli indiani di casta inferiore non avrebbe fatto un soldo di danno. Invece – chissà perché – se n’è venuta in Occidente, vive a New York dove bivacca alla grande a spese della sua ricca famiglia indiana, scrive un libro ogni otto anni, mangia sushi e, naturalmente, sputa sul paese che la ospita.

Sarà ospite a Mantova per lo chicchissimo Festivaletteratura in programma dal 5 al 9 settembre. Date le ultime interviste rilasciate, l’invito era scontato. La sua ultima fatica: “L’eredità della sconfitta” (Adelphi) le ha fruttato unanimi riconoscimenti da parte dell’intellighenzia sinistra. Grazie  - appunto  - agli sputazzi lanciati contro Bush e l’America, gli inglesi e il colonialismo.

Niente di eclatante per la verità. Ripete a cantilena le basi luogocomunismo spicciolo di scuola carusiana. Tipo: “Il sogno americano esiste grazie ai ragazzi che fabbricano t-shirt in Cambogia” oppure “Dobbiamo ricordarci che chi investe in India lo fa per cercare manodopera a basso costo, mentre i profitti vanno a chi ha la casa ad Aspen”. Kiran si lamenta anche dello scompiglio che gli inglesi con il loro abbozzo di regole democratiche hanno portato nella cultura indiana. Certo, occorre ammetterlo, la divisione in caste era di certo più funzionale. Ovviamente solo per chi nasceva dalla parte giusta.

A niente vale far notare a Kiran che i ragazzi in Cambogia mangiano grazie al fatto che fabbricano quelle t-shirt e chi ha la casa ad Aspen contribuisce non poco a che qualche paria indiano metta insieme il pranzo con la cena. Non serve a nulla discutere, perché la forte sensazione è che a Kiran di queste baggianate non interessi un bel fico secco: sono marketing, solo marketing.

Kiran ha capito qualche anno fa che se vuol vendere i suoi romanzi deve ingraziarsi la critica sinistra. Perciò ha abbandonato la scrittura degli esordi ambientata nei miti e nelle favole di un’India senza tempo (quella un po’ onirica di “Hullabaloo in the Guava  Orchard” che non le aveva portato fortuna di critica) e si è gettata a capofitto nel politicamente corretto: immigrazione, alienazione, occidente-distruttore-di-civiltà, sputi-in-faccia-al-sogno-americano. Una scelta azzeccatissima per la carriera.

Sì, perché l’elogio del Terzo Mondo sfigato, classista, sessista e povero tira: fa vincere il Booker Price (uno dei premi letterari più importanti del mondo) e garantisce un lancio spaziale in giro per il mondo. E se poi il romanzo contiene anche l’elogio di un rivoluzionario nepalese che noi chiameremmo più opportunamente terrorista, allora ecco che l’invito al Festival di Mantova è scontato.

E tanto per dimostrare che ha capito come gira il mercato, Kiran annuncia: il prossimo romanzo parlerà della rivoluzione sessuale in India… Appunto.




permalink | inviato da KrilliX il 14/8/2007 alle 11:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte